fbpx

Vita di classe

Chirurgia-Almudena-Ramirez-Pantanella-Cherubini

Finalmente in scena! Chirurgia debutta al Teatro Cometa Off

Chirurgia di Almudena Ramirez PantanellaTraduzione e messa in scena di Manuela Cherubini.

Lo spettacolo di diploma non è ma un punto d’arrivo ma un trampolino di lancio!

NOTE DI REGIA

Il testo di Almudena Ramirez Pantanella è un’istantanea vivida, crudele e commovente della Famiglia nelle sue relazioni interne, mentre affronta, più o meno compatta, la questione dell’altro da sé, della straniera, incarnata nella figura della badante, che commette un atto inammissibile e foriero di problemi: muore in casa della donna che sta accudendo. La matriarca della famiglia.
Il testo ha la struttura di una partitura musicale, con ritratti al desco (o tavolo operatorio) familiare, inframmezzati da accordi, cadenze e semicandenze in forma d’immagini e di suoni. La scrittura scenica è precisa e utilizza il linguaggio verbale come strumento nella partitura, al pari di suoni e immagini, senza sacrificare la costruzione di significati che coinvolge l’immedesimazione dello spettatore. E sfido ciascuno di noi a non ritrovare nell’opera una scheggia della propria Famiglia, qualunque forma essa abbia inventato per esistere.
Manuela Cherubini

Sinossi

Maria Giovanna è un’ottuagenaria borghese, che vive con la sua badante. Quest’ultima muore una notte in casa, mentre Maria Giovanna, che di lì a qualche settimana dovrà subire un intervento al cuore, dorme.
All’indomani Maria Giovanna trova il cadavere della badante, caduta a terra come cade una cosa qualsiasi. Accorrono il portiere, i medici legali, i figli, le figlie, con relative spose e sposi, i nipoti.
Come si chiamava la badante? Bibiana? Viridiana? Bianca? Di dov’era? Ucraina? Rumena? Aveva figli?
Di sicuro c’è che la badante lavorava in nero, che una figlia compare a esigere denaro, e che ciascuno in famiglia ha le sue opinioni al riguardo.

L’autrice

Almudena Ramírez-Pantanella è drammaturga, sceneggiatrice e regista. Nel 2015 riceve il Premio Nacional de Teatro Calderón de la Barca per Los amos del mundo. Come drammaturga residente ha scritto Quirófano nel Centro Nazionale Francese CNES Chartreuse de Villeneuve Lez Avignon – messo successivamente in scena con la sua regia al Centro Dramático Nacional –, Golpe de gracia nella residenza internazionale del Royal Court Theatre di Londra, e Regurgitar, con una borsa di studio dell’Instituto Nacional de las Artes Escénicas y de la Música. I suoi testi sono stati tradotti e pubblicati in inglese, tedesco e italiano. In televisione ha lavorato come sceneggiatrice nella serie di Netflix La casa di carta. Concilia queste attività con la creazione e la scrittura di serie e copioni cinematografici, e con il dottorato in Estudios Literarios all’Universidad Complutense de Madrid.

Gli interpreti

Il Terzo anno di Recitazione del Centro Internazionale della Cometa di Roma. Chiara Bartolucci, Lorenzo Berardinucci, Daphne Folliero, Pietro Formentini, Simone Guaragna, Alice Lepidio, Fiammetta Mancini, ilaria Pietrangeli e Martina Spampinato.

Chirurgia Almudena Ramirez-Pantanella Cherubini


qwqqw